Le 8 domande più frequenti sul Colesterolo

Ecco quali sono i dubbi più frequenti che hanno le persone che devono tenere sotto controllo il colesterolo

Isabella G.
Isabella G.
19 maggio 2021
Domande più frequenti sul colesterolo, uova colorate

In Italia circa il 34,3% degli uomini e circa il 36,6% delle donne tra i 35 e i 79 anni vivono con il colesterolo alto. Si deve sapere che il mancato controllo dei suoi valori provoca circa all'incirca 48 milioni di morti l'anno, dati allarmanti che potrebbero diminuire se solo si facessero i controlli necessari per sui livelli di colesterolo "cattivo". I dubbi più frequenti che riguardano il colesterolo vanno dal "Che cosa è il colesterolo?" a "Quali cibi evitare se si soffre di colesterolo?". Grazie a varie ricerche qui sotto potrai trovare una risposta alle tue domande.

Cos'è il colesterolo?

Il colesterolo è una sostanza simile ai grassi, vitale per il normale funzionamento del tuo corpo. Tuttavia se i livelli di colesterolo sono troppo elevati, il colesterolo può depositarsi sulle pareti delle arterie, dove può accumularsi sino a formare placche che possono ostruire il vaso sanguigno. Se le arterie del tuo cuore vengono ostruite, il flusso del sangue rallenta, con la conseguenza di un attacco cardiaco.

Da dove viene il colesterolo?

Il corpo produce da solo la maggior parte del colesterolo circolante. In effetti, solo una piccola parte del colesterolo proviene dalla dieta. I tuorli d'uovo e il fegato contengono grandi quantità di colesterolo, tuttavia molti cibi come frutta, verdura e pesce contengono poco colesterolo.

Il colesterolo è solo un nemico del nostro organismo?

No. Il colesterolo è fondamentale per il nostro organismo, interviene nella formazione e nella riparazione delle membrane cellulari. È il precursore della vitamina D, degli ormoni steroidei e degli ormoni sessuali (come androgeni, testosterone, estrogeni e progesterone) ed è contenuto nell'emoglobina oltre a essere il precursore dei sali biliari.

Microbanner mytherapy app colesterolo

MyTherapy: promemoria per medicinali

L'app di MyTherapy ti aiuta a prenderti cura della tua salute con:

  • Promemoria;
  • Controllo dei tuoi sintomi;
  • Monitoraggio delle tue attività.

per iPhone
per Android

Download now

Download now

Nell’ipercolesterolemia le uova vanno bandite dalla tavola?

Non è vero che le uova sono da bandire dalla tavola di chi non vuole avere un tasso di colesterolo troppo elevato, poiché in realtà è soltanto il tuorlo a contenere il grasso (il consumo di albume è libero), inoltre la lecitina contenuta nel tuorlo ha effetti favorevoli sul metabolismo del colesterolo. È importante però non superare le 2-3 uova intere o tuorli a settimana (conteggiare come una porzione di uova anche l'assunzione di pasta all'uovo o prodotti da forno contenenti uova).

Il caffè aumenta i valori di colesterolo?

Il rapporto tra caffè e colesterolemia dipende da due fattori: tipo di miscela e modalità di preparazione. Nel modo in cui è preparato in Italia non sembra fare aumentare il colesterolo, anzi i suoi componenti antiossidanti potrebbero avere un effetto favorevole sul colesterolo LDL. Comunque è meglio scegliere la qualità arabica più pregiata e meno ricca in caffeina e non superare le 3 tazzine al giorno. Allo stesso modo, non ci sono sufficienti evidenze sul ruolo del caffè decaffeinato sui livelli di colesterolo.

Perché il colesterolo è pericoloso?

Il colesterolo diventa pericoloso quando i suoi valori raggiungono livelli troppo alti, perché potrebbe andarsi ad accumulare sulle pareti delle arterie, determinando la formazione con il tempo delle placche aterosclerotiche.

Come si misura il colesterolo?

Si misura attraverso un semplice esame del sangue, grazie al quale è possibile misurare il livello di colesterolo totale, di colesterolo HDL e LDL, e il rapporto tra colesterolo totale e HDL. È bene far visionare i risultati dell’esame a un medico qualificato ed esperto, che ci potrà aiutare a capire qual è il nostro stato di salute.

Perché è importante misurarlo?

Gli specialisti consigliano di tenerlo sotto controllo perché se supera il livelli di soglia potrebbe essere un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, come: aterosclerosi, e per altre patologie associate come ictus, infarto e angina pectoris.


Ecco altri articoli che potrebbero interessarti:

Promemoria mytherapy app

Gestisci la tua salute con l'aiuto del tuo smartphone

MyTherapy app ti aiuta a portare avanti le tue cure in modo diligente.