Nuove Cure per la Psoriasi: Quali Sono gli Ultimi Trattamenti sul mercato

La psoriasi e i passi da gigante che si stanno facendo per trovare una cura

Bradley
Bradley
17 marzo 2021
Nuovi trattamenti per la psoriasi: donna che nuota

Se a voi o a una persona a voi cara è stata recentemente diagnosticata la psoriasi o se ci convivete da anni, vorrete assolutamente tenervi aggiornati su tutti i nuovi sviluppi. Fortunatamente, la ricerca è progredita rapidamente negli ultimi anni e sono aumentati i trattamenti sicuri e affidabili. Nell'articolo di oggi, vi informeremo su ciò che è disponibile ora e su ciò che potete aspettarvi di vedere in futuro.

Come viene trattata oggi la psoriasi:

Trattamenti topici:

I trattamenti topici sono tipicamente la prima linea di difesa quando si tratta di psoriasi lieve o moderata. Sono disponibili in forme di unguenti o creme che vengono applicati nello stesso modo di una lozione. Questi trattamenti di solito non sono immediatamente efficaci, ma se lo saranno, i risultati dovrebbero apparire in circa sei settimane. Per le persone con la psoriasi del cuoio capelluto, il trattamento può anche comportare una miscela di unguento e shampoo.

  • Emollienti - Agendo come un idratante e uno strato protettivo per proteggere dalla disidratazione, questo è tipicamente uno dei primi trattamenti prescritti dai medici in quanto in genere hanno pochi o nessun effetto collaterale. Il loro beneficio principale è quello di ridurre il prurito, rendendoli una grande opzione per i casi lievi.
  • Crema steroidea - Le creme steroidee sono spesso un follow-up o un'alternativa agli emollienti e sono tipicamente usate per casi lievi o moderati. Variano in forza e sono tipicamente prescritti a dosi più forti per le peggiori chiazze di psoriasi. Funzionano principalmente rallentando la produzione di cellule della pelle e riducendo l'infiammazione. Mentre non presentano un rischio significativo di gravi effetti collaterali, un uso eccessivo di dosi forti può portare all'assottigliamento della pelle.
  • Inibitori della calcineurina - questi sono unguenti o creme che riducono l'attività del sistema immunitario e l'infiammazione. Sono una scelta comune per il trattamento della psoriasi in aree sensibili se le creme a base di steroidi si sono dimostrate inefficaci. È comune che questi trattamenti causino irritazione o bruciore quando sono usati per la prima volta. Tuttavia, questi sintomi in genere migliorano entro una settimana.
  • Analoghi della vitamina D - Questi sono tipicamente usati per casi moderati di psoriasi che colpiscono il cuoio capelluto o le braccia. Funzionano principalmente rallentando la produzione di cellule della pelle, ma producono anche un effetto antinfiammatorio.
  • Dithranol - Essendo stato usato per oltre cinquant'anni nel trattamento della psoriasi, il Dithranol è provato e vero. È stato efficace nel ridurre la produzione di cellule della pelle e non ha grandi effetti collaterali. Tuttavia, vale la pena notare che può bruciare se è troppo concentrato e macchia tutto ciò che tocca.
  • Catrame minerale di carbone - Questo è uno dei, se non il più antico, trattamento per la psoriasi. Non si sa esattamente perché o come funziona, ma è stato dimostrato che aiuta a diminuire l'infiammazione e il prurito. Può essere usato in combinazione con altri trattamenti e gli effetti collaterali sono minimi, ma ha un forte odore e il potenziale di macchiare i vestiti.

Fototerapia:

Anche comunemente chiamata terapia della luce, è un trattamento che comporta l'esposizione alla luce naturale e/o artificiale. I dispositivi utilizzati per somministrare tale terapia spesso assomigliano ai lettini abbronzanti, ma funzionano in modo diverso. A seconda del tipo di fototerapia può comportare dei rischi se continuata a lungo termine, ma le forme più leggere sono generalmente considerate sicure.

  • Terapia UVB - La terapia UVB funziona rallentando la produzione di cellule della pelle. È un passo successivo comune per i pazienti che non hanno risposto ai trattamenti topici in quanto gli effetti collaterali sono ancora abbastanza lievi e le sessioni richiedono solo pochi minuti ciascuna.
  • PUVA-terapia - Se altri trattamenti meno duri si sono dimostrati inefficaci, viene spesso utilizzata la terapia PUVA. Si tratta di prendere una compressa per aumentare la sensibilità alla luce e l'esposizione alla luce ultravioletta A. Spesso può avere effetti collaterali più duri che vanno dal bruciore e prurito alla nausea. Non si raccomanda di usare questo trattamento per lunghi periodi poiché può essere un fattore di rischio per il cancro della pelle.
  • Terapia combinata - Il nome terapia combinata è una chiara descrizione. Il tipo di combinazione varia in base al paziente, ma un regime tipico potrebbe essere UVB accoppiato con catrame minerale di carbone o un altro trattamento topico.

Trattamenti sistemici:

Compresse, capsule e iniezioni sono tipicamente riservate ai casi più gravi di psoriasi dopo che altri trattamenti sono stati inefficaci. I trattamenti sistemici, utilizzati come ultima risorsa, hanno il potenziale per essere estremamente efficaci nella cura della psoriasi, ma comportano anche il rischio di effetti collaterali potenzialmente gravi.

  • Acitretina - Presa per via orale, l'acitretina diminuisce il tasso di produzione delle cellule della pelle. In genere, è riservato ai casi gravi di psoriasi. Ci sono una varietà di potenziali effetti collaterali, e i più comuni sono la secchezza dei lombi/passaggi nasali e la screpolatura delle labra e in casi estremi, ha anche causato l'epatite.
  • Ciclosporina - Agendo sopprimendo il sistema immunitario, la ciclosporina ha dimostrato di essere efficace nel trattamento di tutti i tipi di psoriasi. Tuttavia, può richiedere un attento monitoraggio da parte di un medico in quanto aumenta le possibilità di ipertensione e malattie renali.
  • Metotrexato - Questo farmaco può ridurre i sintomi della psoriasi attraverso la produzione rallentata di cellule della pelle e l'infiammazione soppressa. Non dovrebbe essere preso da coloro che hanno problemi al fegato ed è importante non bere alcolici durante l'assunzione.
  • Etanercept - Preso per iniezione due volte a settimana, l’etanercept è un potente farmaco con alcuni dei più gravi effetti collaterali potenziali su questa lista. L'effetto collaterale principale è solo un'eruzione cutanea nel luogo dell`iniezione, ma a causa della natura del farmaco e del suo effetto su tutto il sistema immunitario, c'è anche un rischio di grave infezione.
  • Infliximab - Infliximab viene somministrato tramite infusione. Poiché è un altro dei farmaci più potenti disponibili per la psoriasi, è importante fare attenzione alle infezioni che possono sorgere da un sistema immunitario indebolito. Fortunatamente, l'effetto collaterale più comune è solo un mal di testa.
  • Adalimumab - Un altro trattamento tramite iniezione, l'adalimumab viene assunto ogni due settimane ed è un potente trattamento riservato ai casi critici. Purtroppo, come altri potenti farmaci per la psoriasi, indebolisce l'intero sistema immunitario che può portare a gravi effetti collaterali. A causa del rischio di effetti collaterali, i pazienti sono monitorati e dopo sedici settimane se non ci sono miglioramenti il trattamento viene concluso.
  • Ustekinumab – l’Ustekinumab richiede un dosagio molto meno frequente rispetto alle altre alternative iniettabili, nonostante abbia un funzionamento molto simile. Condivide anche simili effetti collaterali che vanno di pari passo con un sistema immunitario indebolito. Inoltre, può causare infezioni alla gola e un'eruzione cutanea dove viene iniettato.

MyTherapy app gestione del tuo piano terapeutico: notifica

MyTherapy: Ti aiuta a ricordare facilmente di prendere le tue medicine

per iPhone
per Android

Download now

Download now

Ultime cure sul mercato e cosa aspettarsi in futuro

Potremmo essere ancora lontani anni da una vera e propria cura, ma se i trattamenti che abbiamo ora non sono stati in grado di frenare i tuoi sintomi ci potrebbe essere ancora speranza.

  • Bimekizumab - Bimekizumab è un farmaco biologico, cioè prodotto da organismi viventi. È attualmente in fase tre di test ed è sviluppato dalla casa farmaceutica belga UCB. Finora, la ricerca ha dimostrato che è sicuro e gli studi sono apparsi positivi quando si tratta di efficacia. In uno studio clinico, ha dimostrato di essere più efficace di Adalimumab nel raggiungere un miglioramento del 90% in termini di gravità della malattia.
  • Wynzora - Wynzora, noto anche come Calcipotriolo + betametasone dipropionato crema è un nuovo farmaco che ha dimostrato di essere efficace a schiarire la pelle dopo circa 8 settimane di utilizzo. Non è grassa, cosa che i partecipanti agli studi hanno segnalato come una qualità positiva.
  • Inibitori JAK - Gli inibitori JAK sono un gruppo di farmaci che funzionano prendendo di mira le vie responsabili della produzione di proteine infiammatorie. Sono usati ora per trattare l'artrite e la colite e gli studi li hanno trovati efficaci anche per la psoriasi. Inoltre, sono sicuri come gli attuali farmaci biologici e sono disponibili in forma di pillola piuttosto che di iniezione. Tuttavia, tutti gli studi attuali sono stati a breve termine e sono necessarie ulteriori ricerche per capire se possono essere una soluzione efficace a lungo termine. Attualmente in Italia sono stati approvati il tofacitinib e il baricitinib.

Conclusioni:

La diagnosi di una condizione cronica come la psoriasi può essere incredibilmente frustrante, soprattutto perché può sembrare che la ricerca proceda lentamente. La buona notizia è che sta progredendo. I trattamenti stanno diventando sempre più efficaci e ci sono alternative promettenti in arrivo.


Ti potrebbero interessare anche questi articoli, dai un'occhiata:

Schermata di MyTherapy Journal: Gestione dei farmaci

Il tuo promemoria medico a portata di mano

MyTherapy rende la gestione dei farmaci un gioco da ragazzi, fornendoti notifiche che ti fanno sapere quando è il momento di prendere la tua medicina.
Schermata di MyTherapy Journal: Gestione dei farmaci MyTherapy: Ricorda facilmente di prendere le tue medicine