Terapie Emergenti per la Sclerosi Multipla: Cosa c'è nel cantiere dei farmaci per la SM?

I nuovi trattamenti per la sclerosi multipla offrono alle persone più opzioni che mai

Dan
Dan
19 marzo 2021
sclerosi multipla e cosa c'e' in cantiere

Nell'ultimo decennio sono stati fatti notevoli progressi nel trattamento della sclerosi multipla. Farmaci modificanti la malattia come Rebif, Tecfidera, Aubagio e Gilenya si sono dimostrati efficaci nel rallentare la progressione della malattia e nel ridurre il numero di ricadute a cui molte persone vanno incontro. Ocrelizumab, approvato nel 2017, ha inaugurato una nuova era di trattamento mirato alle cellule B che può aiutare a trattare i pazienti che vivono con la SM primariamente progressiva. Ecco alcuni trattamenti emergenti che potrebbero essere disponibili a breve.

Farmaci in cantiere per la SM recidivante

La maggior parte delle terapie modificanti la malattia (DMT) che sono state approvate per il trattamento della sclerosi multipla sono per le forme recidivanti, e di solito ci si riferisce alla sindrome clinicamente isolata (CIS), alla SM recidivante-remittente (RRMS), e alla SM secondaria progressiva con ricadute (o SPMS "attiva").

Avere accesso a farmaci con una gamma di meccanismi d'azione e forme di somministrazione, come auto-iniezioni, farmaci orali e infusioni, aiuta medici e pazienti a trovare un trattamento efficace che si adatti alle esigenze individuali.

Man mano che i ricercatori imparano di più su come funzionano questi trattamenti per combattere la SM, sono in fase di sviluppo farmaci che sono più efficaci, causano meno o meno gravi effetti collaterali e sono più convenienti per i pazienti. Alcuni sono già all'esame degli enti regolatori (come la FDA negli Stati Uniti e l'EMA in Europa) e potrebbero essere presto disponibili.
In Europa, Zeposia è stata approvata recentemente dall'EMA.

Ozanimod

Ozanimod è il principio attivo di Zeposia, che è un trattamento orale assunto una volta al giorno. Anche se è stato approvato per trattare le forme recidivanti di SM dalla FDA nel marzo 2020, Bristol Myers Squibb (BMS) ha tenuto fuori il lancio fino all'inizio di giugno a causa della pandemia di coronavirus.

Come il duo Novartis di Gilenya (principio attivo fingolimod) e Mayzent (siponimod), Zeposia è un modulatore del recettore della sfingosina-1-fosfato (S1P). Secondo BMS, Zeposia è più conveniente di entrambi in quanto non richiede test genetici o monitoraggio cardiovascolare dopo la prima dose. Date le circostanze della pandemia e la necessità indefinita di distanziamento in molte parti del mondo, BMS ci tengono a sottolineare che questo significa probabilmente meno visite alla clinica sono necessarie.

Sia Zeposia che Mayzent, che è stato approvato nel 2019, sono rivendicati per avere un migliore profilo di sicurezza rispetto al farmaco più vecchio, Gilenya (approvato dalla FDA nel 2010), oltre ad avere un effetto maggiore nel ridurre i sintomi cognitivi come la difficoltà di concentrazione.

Ponesimod

Nel marzo 2020, Janssen ha chiesto l'approvazione della FDA e nel gennaio del 2021 l’EMA ha dato il via libera per un altro modulatore del recettore S1P, ponesimod, per trattare le forme recidivanti di SM. Come i farmaci precedentemente menzionati, il meccanismo d'azione di ponesimod impedisce alle cellule immunitarie, chiamate linfociti, di lasciare i linfonodi. Questo, di conseguenza, impedisce loro di entrare in circolazione e raggiungere il cervello e il midollo spinale, aiutando a ridurre i danni alla mielina, ad abbassare i tassi di ricaduta e a rallentare la progressione della malattia.

Come ozanimod (Zeposia) e siponimod (Mayzent), ponesimod fa parte di una nuova ondata di modulatori del recettore S1P che sono più selettivi del vecchio farmaco, fingolimod (Gilenya). In particolare, hanno come bersaglio la sfingosina-1-fosfato sottotipo 1, da qui il motivo per cui li si può vedere indicati come modulatori del recettore S1P1. Questa selettività è utile per prevenire effetti indesiderati su altre parti del corpo, come il sistema cardiovascolare.

Janssen ha richiesto l'approvazione sulla base di uno studio clinico di fase 3 in cui ponesimod è stato confrontato con Aubagio, che ha il principio attivo teriflunomide. Lo studio ha trovato che ponesimod era circa il 30% più efficace nel ridurre le ricadute. Janssen sottolinea anche che ponesimod è stato più efficace nel ridurre la fatica, misurata con il Fatigue Symptoms and Impacts Questionnaire-Relapsing Multiple Sclerosis (FSIQ-RMS).

Ofatumumab

Ofatumumab è il principio attivo di Arzerra, che è un anticorpo monoclonale già approvato per trattare la leucemia linfocitica cronica (CLL). In un trial pubblicato nel maggio 2020, ofatumumab (che sarà rilasciato con un nome diverso per la SM) ha superato Aubagio per quanto riguarda le ricadute, la progressione e le lesioni cerebrali.

Dei farmaci approvati per la SM, ofatumumab assomiglia più da vicino al meccanismo d'azione di ocrelizumab, come bersaglio una molecola chiamata CD20 per esaurire le cellule B. Una delle differenze chiave tra le terapie è la modalità di somministrazione; Ocrelizumab viene somministrato ogni 6 mesi con infusioni endovenose, mentre ofatumumab viene iniettato per via sottocutanea (sotto la pelle) una volta ogni 4 settimane. Un vantaggio potenzialmente chiave di quest'ultimo è che può essere fatto a casa piuttosto che in una clinica. Mentre questo pone una maggiore responsabilità sui pazienti, è probabile che sia adatto a molte persone.

Un'altra differenza chiave è che Novartis, il produttore di ofatumumab, si sta concentrando sulle forme recidivanti di SM, mentre Ocrelizumab è approvato anche per il trattamento della SM primaria progressiva. Resta da vedere se Novartis sperimenterà ofatumumab nelle persone con SM PP, che rappresentano circa il 10-15% di tutti i casi di SM.

Novartis ha chiesto l'approvazione della FDA e dell'EMA per ofatumumab nel febbraio 2020. L’approvazione della FDA è arrivata nell’agosto 2020, una decisione dell’EMA si aspetta per il secondo trimestre di questo 2021.

Tieni traccia dei sintomi  della sclerosi multipla

MyTherapy: Ti aiuta a ricordare facilmente di prendere le tue medicine

per iPhone
per Android

Download now

Download now

Farmaci in cantiere per la SM progressiva

Mentre diversi DMT sono approvati per le forme recidivanti di SM, come la SM recidivante-remittente (RRMS) e la SM secondaria progressiva con recidive (SPMS attiva), solo Ocrelizumab è attualmente approvato per il trattamento della SM primaria progressiva (PPMS).

Inoltre, c'è un vuoto nel mercato per il trattamento delle persone che vivono con la SM secondaria progressiva senza ricadute (SMSP non attiva). Mentre la diagnosi precoce e i DMT efficaci stanno aiutando a prevenire o ritardare le persone che sviluppano la SMP non attiva dalla SM recidivante-remittente, i ricercatori continuano a cercare modi per rallentare la progressione della malattia e ridurre il tasso di disabilità.

Ibudilast

Nel luglio 2019 MediciNova ha annunciato che un farmaco che etichetta 'MN-166', con il principio attivo ibudilast, avrebbe iniziato uno studio clinico di fase 3 con pazienti che vivono con SM secondaria progressiva senza ricadute (SPMS non attiva).

In un precedente studio di fase 2b che ha coinvolto pazienti con PPMS, SPMS attiva e SPMS non attiva, MediciNova ha scoperto che ibudilast ha ridotto il rischio di progressione della disabilità confermata (misurata dall'EDSS) in quelli con SPMS non attiva del 46% rispetto a un placebo.

Il farmaco viene somministrato per via orale due volte al giorno e aiuta a ridurre l'infiammazione nel cervello. Il suo meccanismo d'azione potrebbe renderlo un'opzione di trattamento per altre condizioni, compresa la sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

I risultati dello studio di fase 3 determineranno probabilmente se MediciNova chiederà l'approvazione per MN-166 per il trattamento della SPMS non attiva.

Biotina ad alto dosaggio (MD1003)

La biotina è una vitamina B disponibile come integratore. MD1003 è una formulazione ad alto dosaggio che è stata sperimentata per il trattamento della SM progressiva. MD1003 può aiutare ad attivare gli enzimi che sono coinvolti nella produzione e nella sintesi della mielina, aiutando così a riparare i danni.

Uno studio di fase 3 chiamato MS-SPI mirava a migliorare la metrica della disabilità, sia in termini di EDSS che di tempo impiegato per camminare per 25 piedi, in particolare nei pazienti che avevano problemi di deambulazione.

Dopo 2 anni, il 15% dei partecipanti che assumevano MD1003 aveva ridotto la disabilità.

Tuttavia, nel marzo 2020 MedDay, l'azienda che produce MD1003, ha detto che uno studio di follow-up più grande chiamato SPI2 non aveva confermato i risultati positivi dello studio iniziale.

Resta da vedere se l'azienda continua a studiare MD1003 per il trattamento della SM progressiva.

Qual è il prossimo passo per il trattamento della sclerosi multipla?

I farmaci menzionati in questo articolo sono solo una manciata di quelli in fase di sviluppo per il trattamento della sclerosi multipla. Se vuoi consultare altre sperimentazioni in corso, puoi usare la funzione di ricerca su clinicaltrialsregister.eu.

In alternativa, tieni d'occhio grandi risorse come:
Associazione Italiana Sclerosi Multipla.


Ti potrebbero interessare anche questi articoli, dai un'occhiata a:

Screenshot promemoria di MyTherapy app

Il tuo promemoria medico a portata di mano

  • Tieni traccia dei tuoi appuntamenti e controlli per la SM
  • Tieni traccia dei sintomi e degli effetti collaterali
  • Rapporto sulla salute che puoi condividere con il tuo team sanitario sulla SM